Novità per le pinze GZA

Novità all’insegna del miglioramento per le nostre pinze della classe GZA. Si tratta di accorgimenti tecnici all’insegna della perfezione, ossia di nuovi sensori miniaturizzati per ridurre le dimensioni delle dita di presa e di perni di rotazione delle dita non-sfilabili.

Giuseppe Cardovino, sales manager di FPS Automation, spiega in cosa consiste questo miglioramento del prodotto:

“Stiamo proponendo la nostra soluzione ad alcuni dei problemi che da sempre assillano gli utilizzatori di mani di presa per lo stampaggio della plastica: gli spazi risicati a disposizione per la presa degli oggetti mediante pinze con dita sensorate ed il rischio che elementi meccanici mobili, come le dita stesse di queste pinze, si possano sfilare e cadere all’interno della pressa. Se nel primo caso ci troviamo di fronte all’eterna necessità di massima miniaturizzazione, il secondo tema, oltre a ricondursi a tematiche di qualità, comporta un rischio concreto ed elevato di danneggiamento della pressa e dello stampo”.

“La miniaturizzazione – continua Cardovino – ha come limite la meccanica e la geometria delle parti, adottando il nuovo sensore KT riusciamo a ridurre notevolmente le dimensioni del dito tastatore senza rinunciare ad affidabilità e precisione. Riguardo le dita invece, esistono vari modi per bloccare i perni su cui ruotano e noi abbiamo scelto quello che riteniamo più sicuro. In sostanza il perno, che ha una testa a martello, è ora bloccato con un anello elastico. Questo accorgimento rende il perno “imperdibile” lasciandolo al contempo svincolato nella sua sede, senza aumentarne la frizione di rotazione. È inoltre possibile eseguire la manutenzione della pinza senza rischiare di danneggiarla, smontandola e rimontandola in perfetta sicurezza perché i componenti al suo interno possono essere aperti e chiusi senza particolari difficoltà. Certamente serve manualità perché parliamo di elementi molto piccoli ma il risultato finale è una soluzione pratica e molto apprezzata da chi vive di meccanica”. 

Un miglioramento funzionale e anche estetico: “nella nostra soluzione, a differenza di altre sul mercato, non ci sono quindi grani o ribattute. Il nostro obiettivo – conclude Giuseppe Cardovino – è incrementare i livelli di attenzione progettuale in tutto il prodotto, seguendo la nostra cultura del miglioramento continuo, dell’evoluzione e dell’orientamento all’eccellenza”.

 

Altre news

Cosa sono i processi poka-yoke

Cosa sono i processi poka-yoke

Poka-yoke è il termine giapponese con il quale si identifica uno strumento o una procedura in grado di prevenire o ridurre al minimo gli errori. In poche parole, il poka-yoke pone dei limiti al modo in cui un'operazione può essere svolta, forzando la corretta...

Mani da presa per l’industria automobilistica

Mani da presa per l’industria automobilistica

Le nostre mani di presa (EOAT) sono destinate anche all'industria automobilistica, in questo caso la mano da presa è progettata per lo stampaggio di un componente di carrozzeria di una vettura con tecnologia ibrida. Il cambiamento ambientale nel mondo automobilistico...

Una linea di automazione industriale per occhiali sportivi

Una linea di automazione industriale per occhiali sportivi

FPS Automation ha progettato e costruito una linea di automazione industriale per la lavorazione di occhiali per uso sportivo. Un percorso che parte dalla fusione e stampaggio del telaio e delle aste dell'occhiale con prese ad iniezione. I componenti vengono poi...

Pin It on Pinterest

Share This