Cronaca dalla Dakar 2021

5 Gen 2021

Questo è il racconto della Dakar 2021, storica competizione off-road alla quale partecipa Angelo Pedemonte, con il Team RT73 griffato FPS Automation.

Arrivederci alla prossima Dakar

Purtroppo Angelo Pedemonte è stato costretto al ritiro, le contusioni riportate nella brutta caduta della tappa 4 si sono fatte sentire sempre di più nei giorni successivi, il mare di dune poi della tappa 6 è stato interminabile e continuare sarebbe stata una decisione da incoscienti. Facciamo ad Angelo i migliori auguri e lo ringraziamo per averci fatto partecipi di questa avventura, sperando di rivederlo presto alla partenza di un’altra competizione.

6^ Tappa
Sabbia e dune attendono i concorrenti alla partenza della 6^ speciale di previsti 448 km (ad ora pare sarà modificata la percorrenza rendendola più corta ) dopo un trasferimento di 170 km che da Al Qaisumah li condurrà alla città di Ha’il.

Le notizie su questa prova parlano di tenere alta la guardia sulla navigazione, ma partendo nelle retrovie, Pedemonte sarà un po’ facilitato dalle tracce, quello che conta per lui in primis è la resistenza fisica nel superare il mare di dune probabilmente le più impegnative di terzo livello, giocherà la sua esperienza dei deserti marocchini, sulle famose dune del Merzouga Rally, che lo aiuterà a scegliere il passaggio tecnicamente migliore. Questa tappa precede il tanto desiderato giorno di riposo, che poi in realtà per tanti sarà occasione di manutenzioni più approfondite, per altri qualche momento in più per riprendere qualche ora di sonno perso.

Il numero degli italiani in moto si è ridotto drasticamente,
Cominardi infortunato alla tappa 3, Internò infortunato alla tappa 4, Piolini infortunato alla tappa 5 e Catanese ritirato per problemi meccanici alla sua moto sempre alla tappa 5 e la gara è solo a metà strada…

4^ Tappa
Angelo Pedemonte ora si trova al bivacco di Riyad (l’arrivo della tappa nr. 4 di oggi), sta molto meglio ed ha tempo di riprendersi al meglio fino alla partenza della tappa 6 con partenza da Al Qaisumah e arrivo ad Ha’il, un tracciato cronometrato di 448 km e solamente 170 km di trasferimento. Simone Gilli, il meccanico del team, ha già fatto un ottimo lavoro e la moto è pronta! Inizierà così la sua “Dakar Experience” e dopo la giornata di riposo del 9 gennaio, riprenderà la sua corsa per raggiungere il nord dell’Arabia dove ci sono i più spettacolari paesaggi sauditi, che solo i partecipanti della scorsa edizione come noi del RT73Team hanno avuto la possibilità di ammirare. Da Ha’il a Neom è un susseguirsi di paradisi incontaminati! Nella tappa nr. 6 sono previste dune di tutti i colori e sarà importante conoscere la tattica nell’affrontarle per non attardarsi al tramonto.

La mappa del percorso al momento non è ancora disponibile, nel frattempo un augurio ad Angelo Pedemonte per un ottima ripresa!

3^ Tappa
La terza tappa è iniziata con un anello attorno al Wadi Ad-Dawasir a sud del bivacco. 403 chilometri di speciale cronometrata all’interno della tappa di 629 km presentava fondi diversi e contrastanti, canyon tecnici con dune di sabbia, tratti da percorrere ad alta velocità e tratti molto tecnici da superare con molta attenzione. Tra il 4° waypoint e il 5° Pedemonte ha dovuto chiamare l’assistenza, la gomma anteriore gli era scoppiata catapultandolo a terra, immediati i soccorsi come di regola alla Dakar. Pedemonte non avendo riportato nessuna frattura, potrà continuare la gara, come lui stesso ha espresso in modo determinato.

 

2^ Tappa da: BISHA – WADI AD-DAWASIR
Trasferimento > 228 km – Speciale > 457 km

Prosegue l’avventura di Angelo Pedemonte alla Dakar 2021, con il Team RT73 griffato FPS Automation. Dopo le difficili pietre di ieri, oggi le prime dune che si alternavano dal giallo al bianco e grandi spazi aperti in un lungo fuoripista, ci si avvicina al grande deserto di sabbia. La speciale è stata più veloce, ma comunque lunga e con un insidiosa sabbia soffice sulle dune.

Sul tracciato proseguiva invece un trio in sequenza che si è accompagnato per quasi tutta la tappa: Angelo Pedemonte (#123), Giovanni Stigliano (#107) e Francesco Catanese (#90) migliorando nelle posizioni. Una buona rimonta quella di Pedemonte che ha saputo gestire al meglio le sue forze guadagnando anche 4 posizioni in classifica generale, ora è 75°.

Domani la carovana si sposterà in un anello di sabbia e dune per tornare a Wadi Ad-Dawasir con un trasferimento di 227 km e una speciale di 403 km. Si avvicineranno al famoso “quartiere vuoto” il grande deserto di sabbia puro e incontaminato, attraverseranno innumerevoli catene di dune con alcuni tratti più tecnici.

 

Leggi la puntata 5 – La Dakar è cominciata

Leggi la puntata 4 – Questa Dakar s’ha da fare

Leggi la puntata 3 – L’imbarco

Leggi la puntata 2 – Il percorso

Leggi la puntata 1 – FPS Automation al Dakar Rally 2021

Chi è Angelo Pedemonte

Nella vita imprenditore ma appassionato da sempre di sport motoristici, soprattutto i lunghi raid in territori sconosciuti, quelli che impegnano la guida non solo dal punto di vista fisico, ma soprattutto nella navigazione e nella scelta dei tragitti. Il senso di orientamento deve per forza far parte del bagaglio di esperienza e Pedemonte racconta di aver trovato la sua palestra in Marocco e nei numerosi Rally Internazionali nei quali ha corso, acquisendo una notevole esperienza anche nell’utilizzo dei sistemi di navigazione Ertf e Iritrack. Per diversi anni consecutivi corso sulle famose dune del Merzouga Rally portando sempre a termine la gara, a parte un ritiro per infortunio. Ora è per la gara delle gare, per quella Dakar che tutti temono ma che tutti ambiscono.

La storia della Dakar

La competizione odierna è figlia della leggendaria Parigi-Dakar che, fin dalla seconda metà degli anni Settanta, rappresenta l’obiettivo e il sogno di tutti i piloti (auto, moto e camion) appassionati di rally nel deserto. Il percorso storico prevedeva la partenza da Parigi e l’arrivo a Dakar, in Senegal. La competizione, durante la quale sono state scritte pagine epiche e anche tragiche degli sport motoristici, fu infine cancellata nel 2008 quando il degradarsi della situazione politica nella zona del Sahara occidentale non garantiva più la sicurezza per i piloti. La competizione (che mantenne il nome di Dakar) fu spostata per qualche edizione in Sud America per poi arrivare, nel 2020, in Arabia Saudita.

Altre news

Ad Assen una domenica senza acuti

Ad Assen una domenica senza acuti

La pole position di Jeremy Alcoba e la seconda fila di Gabriel Rodrigo, entrambi in sella alle Indonesian Racing Gresini Moto3, griffate FPS Automation, ci avevano fatto sperare in qualcosa di meglio per il Gran Premio di Assen, in Olanda. Invece l’ottava posizione...

Grande rimonta di Alcoba in Germania

Grande rimonta di Alcoba in Germania

Dal ventesimo al quarto posto. Si ferma sul più bello la rincorsa di Jeremy Alcoba sul Sachsenring, in Germania. Lo spagnolo, dell’Indonesian Racing Gresini Moto3 griffata FPS Automation, alla prima assoluta su questo tracciato, è autore di uno strepitoso recupero che...

Alcoba sfiora la vittoria a Barcellona

Alcoba sfiora la vittoria a Barcellona

Sono appena 0.015 millesimi di secondo quelli che rimangono tra Jeremy Alcoba e la prima vittoria nel Campionato del Mondo Moto3 della sua carriera sulla moto del team Indonesian Racing Gresini Moto3 sponsorizzata FPS Automation. Una gara ancora una volta intelligente...

Pin It on Pinterest

Share This