La Dakar è cominciata

4 Gen 2021

Angelo Pedemonte, motociclista del RT73 Team griffato FPS Automation ha concluso la prima tappa della Dakar 2021, da Jeddah a Bisha, 345 chilometri di trasferimento e 277 chilometri di prove speciali.

Una tappa durissima, durante la quale Pedemonte è caduto due volte, per fortuna senza conseguenze.

Il racconto della tappa:

Il tracciato si presentava abbastanza lineare su altitudini da 1200 a 1400 m, equamente distribuito tra sabbia e sterrato, niente asfalto e qualche tratto fondo pietroso dove prestare particolarmente attenzione, soprattutto l’ultima parte di terreno pietroso dove la velocità doveva per forza essere minima. Una speciale comunque devastante, (anche i primi sono arrivati un’ora e mezza dopo il previsto), praticamente una “6 giorni di enduro”, con la maggior parte di tracciato su pure pietre ben piantate a terra, quindi molto impegnativo.

Leggi la puntata 4 – Questa Dakar s’ha da fare

Leggi la puntata 3 – L’imbarco

Leggi la puntata 2 – Il percorso

Leggi la puntata 1 – FPS Automation al Dakar Rally 2021

 

 

Chi è Angelo Pedemonte

Nella vita imprenditore ma appassionato da sempre di sport motoristici, soprattutto i lunghi raid in territori sconosciuti, quelli che impegnano la guida non solo dal punto di vista fisico, ma soprattutto nella navigazione e nella scelta dei tragitti. Il senso di orientamento deve per forza far parte del bagaglio di esperienza e Pedemonte racconta di aver trovato la sua palestra in Marocco e nei numerosi Rally Internazionali nei quali ha corso, acquisendo una notevole esperienza anche nell’utilizzo dei sistemi di navigazione Ertf e Iritrack. Per diversi anni consecutivi corso sulle famose dune del Merzouga Rally portando sempre a termine la gara, a parte un ritiro per infortunio. Ora è per la gara delle gare, per quella Dakar che tutti temono ma che tutti ambiscono.

La storia della Dakar

La competizione odierna è figlia della leggendaria Parigi-Dakar che, fin dalla seconda metà degli anni Settanta, rappresenta l’obiettivo e il sogno di tutti i piloti (auto, moto e camion) appassionati di rally nel deserto. Il percorso storico prevedeva la partenza da Parigi e l’arrivo a Dakar, in Senegal. La competizione, durante la quale sono state scritte pagine epiche e anche tragiche degli sport motoristici, fu infine cancellata nel 2008 quando il degradarsi della situazione politica nella zona del Sahara occidentale non garantiva più la sicurezza per i piloti. La competizione (che mantenne il nome di Dakar) fu spostata per qualche edizione in Sud America per poi arrivare, nel 2020, in Arabia Saudita.

Altre news

Ad Assen una domenica senza acuti

Ad Assen una domenica senza acuti

La pole position di Jeremy Alcoba e la seconda fila di Gabriel Rodrigo, entrambi in sella alle Indonesian Racing Gresini Moto3, griffate FPS Automation, ci avevano fatto sperare in qualcosa di meglio per il Gran Premio di Assen, in Olanda. Invece l’ottava posizione...

Grande rimonta di Alcoba in Germania

Grande rimonta di Alcoba in Germania

Dal ventesimo al quarto posto. Si ferma sul più bello la rincorsa di Jeremy Alcoba sul Sachsenring, in Germania. Lo spagnolo, dell’Indonesian Racing Gresini Moto3 griffata FPS Automation, alla prima assoluta su questo tracciato, è autore di uno strepitoso recupero che...

Alcoba sfiora la vittoria a Barcellona

Alcoba sfiora la vittoria a Barcellona

Sono appena 0.015 millesimi di secondo quelli che rimangono tra Jeremy Alcoba e la prima vittoria nel Campionato del Mondo Moto3 della sua carriera sulla moto del team Indonesian Racing Gresini Moto3 sponsorizzata FPS Automation. Una gara ancora una volta intelligente...

Pin It on Pinterest

Share This